Le elezioni parlamentari tenutesi in Turchia lo scorso 7 giugno confermano l’ampio sostegno per il partito per la Giustizia e lo Sviluppo, l’AKP. Pur tuttavia, allo stesso tempo, queste elezioni hanno notevolmente ridimensionato la capacità di azione del partito che da tredici anni guida il Paese grazie ad esecutivi monocolore. Con Erdoğan eletto alla Presidenza della Repubblica lo scorso anno con ampio margine, l’ex ministro degli esteri Davutoğlu, paracadutato alla guida dell’esecutivo, è diventato una figura ancillare a quella del Presidente, il cui ruolo sarebbe in realtà ben più circoscritto a funzioni di garanzia e mediazione.

Articolo per IAPSS Forlì: https://goo.gl/FqBYML.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...